top of page

Néio Souza Bom Junior

Intervista realizzata nel settembre 2021, gentilmente fornita dal "Grupo Somos Nós de Adamantina" di Facebook.

210902262_887886305406050_7406707632265008257_n.jpg
  • Neio, quando ha iniziato a dirigere il Grupo Somos Nós ad Adamantina?

R) Il gruppo è andato in diretta con la prima foto pubblicata il 26/03/2018. Mi sono unito a maggio 2018 quando il gruppo stava festeggiando 3000 partecipanti.

 

  • Quale Adamantina è o è stata fonte di ispirazione per te?

R) Molte persone, soprattutto i pionieri che negli anni '40 si batterono per l'indipendenza della città e si batterono duramente per lo sviluppo dell'Adamantina. Non potevo non citare mio padre, che era un adamantino innamorato della città e ha fatto molto per essa. Pochi sanno che fu l'ideatore del 4° gruppo scolastico (attuale Durvalino Grion) e uno dei maggiori responsabili nella lotta per la donazione del terreno comunale per la costruzione della prima Fafia. Fu un grande sportivo, diresse tutte le squadre professionistiche della città e anche consigliere comunale nella legislatura 73/76, epoca in cui i consiglieri non venivano pagati.

  • Qual è la cosa più pazza che tu abbia mai fatto nella città di Adamantina?


A) Ho studiato insegnamento a Helen Keller. Nell'ultimo anno e nell'ultima prova della materia “Pratica”, la professoressa Cidinha Bocardi, io e due colleghi siamo andati molto male e abbiamo rischiato di fallire proprio nell'ultimo anno. Così abbiamo escogitato un piano per invadere l'aula insegnanti all'alba (non c'era il guardiano), aprire l'armadietto dell'insegnante e “correggere le risposte”. In questo piano c'era anche un piano con le dimensioni del luogo, dove entrare, che era l'armadietto dell'insegnante, e i compiti di ciascuno, uno dei quali sarebbe entrato dalla finestra e gli altri avrebbero guardato. La scuola era aperta e aveva un prato nel cortile dove pascolavano alcuni cavalli che non avevamo visto. Quando è arrivato il momento di entrare dalla vetrata, uno dei cavalli ha nitrito forte... in una frazione di secondo, i “ladri” falliti erano già senza fiato nel giardino della città e il piano è andato nello spazio. Alla fine, la maestra Cidinha, che era una dolcissima, ha dato un voto a tutti e siamo passati...

  • Qual è il sentimento che più rappresenta ciò che “provi per la città di Adamantina?

R) Sentimento materno. Sono nata in Colônia Paulista, casa nº 04, considero la città come la mia seconda madre e sono molto orgogliosa di dire che sono tuo figlio. Ho lasciato Adamantina all'età di 19 anni e vivo a San Paolo a 49 anni. Ma Adamantina non mi ha mai lasciato. Il mio ricordo affettivo per la città è intenso e costante. Ho vissuto la mia infanzia e giovinezza in città, un tempo che segna tutto nella vita di tutti. Ricordo ogni giorno tutto quello che ho vissuto ad Adamantina in ognuno di questi periodi, le persone, le strade, gli amici, gli eventi.  

  • Néio, cos'altro occupa il tuo tempo nell'amministrazione del Grupo Somos Nós di Adamantina?

R) Dato che sono molto attivo nel gruppo, molte persone pensano che passi tutto il giorno solo a fare questo. Ma non è vero. Anche se sono ufficialmente in pensione, sono ancora attivo. Sono Business Manager da 20 anni in un settore in MG e aiuto anche, quando posso, i miei figli, che hanno un e-commerce. Si dà il caso che entrambe le attività vengano svolte virtualmente, il che mi dà la possibilità di stare in onda tutto il giorno e seguire il gruppo quasi in tempo reale.

  • Qual è la cosa più bella che ti è capitata ad Adamantina?

​​

A) Un sacco di cose interessanti. Le riunioni di famiglia ogni Natale con i miei genitori, fratelli e nipoti sono indimenticabili. Abbiamo passato più di 30 anni a fare questi incontri e “amici segreti” che, purtroppo, sono finiti. I carnevali all'ATC sono stati memorabili. Quando ho dato ai miei genitori i diplomi simultanei di Insegnante e Tecnico Contabile. Erano anche alla mia laurea in Economia Aziendale a San Paolo, in queste occasioni erano molto felici e mi hanno fatto una grande impressione. Quando ho indossato per la prima volta la gloriosa maglia del Guarani FC, pur provenendo dalla squadra amatoriale, è stato un grande onore.  

 

  • Néio, come hai conosciuto Suca, Sueli Yamauti, creatore del Gruppo che l'ha dato il via?

​​

A) Non conosco ancora personalmente la Suca, spero di incontrarla perché nutro per lei profonda stima e ammirazione. Ci siamo conosciuti tramite il gruppo. Quando mi sono unito al gruppo e ho visto di cosa si trattava, mi sono innamorato a prima vista e ho iniziato a collaborare, poiché ho una collezione molto ampia di foto della città, oltre a un ricordo molto generoso della città. Ben presto sono stato quello che ha postato di più e Marcelo Rossatto mi ha invitato ad entrare in Amministrazione. E sono passati quasi 4 anni...Il mio rapporto con il Suca è di grande empatia e sinergia, anche se abbiamo profili diversi, condividiamo valori simili, in fondo...siamo Gemelli.

 

  • Neio, ti piace il calcio? Hai mai giocato in qualche squadra adamantina? Quale? In che anno circa?  

 
R) S o appassionato di calcio, mio padre è stato allenatore delle principali squadre professionistiche della città (Palmeiras, Adamantina, Internacioal e Guarani), sono cresciuto nei campi. Quando ero giovane ho giocato in diverse squadre tra cui: Reca, Team do Morocco, Florida Paulista, Operário da Vila, Pedutti, Liquigás, Amador do Guarani, Team da Estação, Center Sports, ecc... Ho giocato a Futsal
  Hellfire e la squadra della città in partite aperte. Non so specificare gli anni di ogni squadra ma era tra il 1963 e il 1972.

 

  • Cosa ti piace fare o visitare normalmente quando sei ad Adamantina?

 

R) Vedere gli amici, passeggiare per la città, ricordare ogni edificio o strada, respirare l'aria dove ho vissuto periodi meravigliosi della mia vita. Visitando nuovi quartieri, poiché Adamantina è cresciuta molto nell'area urbana, la città ha avuto una grande espansione. L'ultima volta che ho visitato diversi quartieri rurali, come Tucuruvi, Lagoa Sêca, Aidelândia, sono stata anche a Salto Botelho dove ho realizzato un video molto carino che è stato mostrato dai media della regione. Mi piace rivisitare edifici che hanno segnato come Cine Santo Antonio, Jardim Japones, Stadio, Giardino Comunale, Chiese, Scuole, ATC, Acrea, ecc. Una sorta di ritorno al passato.

 

  • Quanto sei lontano da Adamantina?


A) Ho già effettuato alcuni viaggi di lavoro internazionali in Sud America ed Europa. Credo che il più lontano sia stato un lavoro che sono andato a fare nella città di Castelvetto in Italia, vicino a Modena, terra di Ferrari. Ho anche attraversato la Germania alcune volte.

 

  • Hai mai giocato a Burica (o marmo) nella tua infanzia?


R)  Di sicuro. All'epoca la chiamavano Burica, che i ragazzini semplificarono in “Burca”. Ho giocato molto, c'erano i colori unici, quelli colorati e anche quelli in acciaio (presi dai cuscinetti delle auto) che erano più grandi e rompevano il resto. I giochi erano buca per buca e il triangolo.

  • Qual era il tuo gioco o giocattolo preferito?

 

A) Ai miei tempi non c'era internet o cellulare e il denaro era scarso. Quindi i bambini hanno improvvisato e inventato giochi. Ce n'erano molti come Pé na Lata, Salva, Queima, aquiloni (che avevano 3 categorie: Capuchette fatte con il giornale e senza bastoncini, Pappagallo con bastoncini e coda grande con anelli e Maranhão enorme, con bastoncini e senza coda, per via della peso era necessario per usarlo sul posto sulla linea 24 una sorta di corda chiamata "cordonê". tutto il giorno.

 

  • Neio, sei già considerato una persona "brillante" o "Speciale" per essere stato (ed è tuttora) il miglior amministratore di tutti i tempi, gestendo questo Gruppo così importante per noi da Adamantine, aiutando le persone a uccidere la nostalgia di casa, e te lo fa con maestria e gratuitamente, lavora sempre per amore. Vogliamo sapere come ti senti a riguardo?

 

R) Mi sento completamente felice perché lo faccio perché mi piace e quando ti piace, lo fai bene. Parlare e ricordare Adamantina per me è un grande piacere, non sento in nessun momento che interferisca con la mia vita personale e professionale.  Quando sono in gruppo mi sembra di essere su una delle panchine del Giardino Comunale la domenica sera, a parlare con gli amici e ad ascoltare Roberto Carlos che canta “As Canções que u did for me”, con la fonte luminosa zampillando acqua colorata. È ovvio che avere a che fare con le persone è sempre complicato e qui ce ne sono 10.000... Ma me la cavo bene, guido team di vendita da più di 40 anni nel mio lavoro, so trattare. Molti pensano che io sia noioso delle regole, ma il fatto è che se non esistessero il gruppo non esisterebbe nemmeno più. Non ho alcun attaccamento responsabile dell'Amministratore e la mia collaborazione sarebbe e sarà la stessa per il gruppo come solo partecipante. Nessuno fa niente da solo, mi piace lavorare in team e condivido il successo del gruppo con gli altri amministratori, oltre a tutti i partecipanti che, in fondo, sono l'anima del gruppo.

  • Per fare una domanda indiscreta, vogliamo sapere; qual è il tuo più grande segreto?  

​​

A) Non ho un “segreto più grande”. Sono una persona semplice, trasparente, onesta con tutti e cerco il massimo senso di giustizia possibile nelle mie prestazioni.Ho avuto un'infanzia e una giovinezza modeste ma molto felici, ho costruito la carriera professionale e familiare che immaginavo. Sicuramente porto con me quello che mi hanno insegnato i miei genitori, soprattutto i valori più grandi che un essere umano deve avere, come il rispetto delle persone e l'umiltà dei comportamenti.

 

  • Neio, hai mai visto film al Cine Santo Antônio? Se sì, quale film ti è piaciuto di più e che non hai mai dimenticato?  

A) Ce ne sono stati molti, alcuni memorabili...” Thus Walks Humanity “(Rock Hudson, Elizabeth Taylor e James Dean)....” Fleeing from Hell “.... Il giro del mondo in 80 giorni”... . “Dottor Zivago”....”I 10 comandamenti”....” Benhur “....” Tre uomini in conflitto “....Film di Cantinflas, Gordo e Magro, e serie di Cobra .

 

  • Se dovessi stare su un'isola deserta con qualcun altro chi sarebbe?

A) Con mia moglie. Ne abbiamo passate tante insieme, tanti momenti difficili e anche tante gioie, abbiamo costruito una bella famiglia. Sono stati 41 anni insieme. Abbiamo una bella storia. È una compagna straordinaria e merita un bel tour, preferibilmente innaffiato da tanto vino e formaggio.

  • Quali canzoni hai completamente memorizzato?

R) Da buon Gemelli, sono molto eclettico riguardo alla musica... penso che ognuno vada bene al momento giusto. Un modão di João Mineiro e Marciano è un must per un barbecue. Un blues o un jazz in un momento di riflessione va bene. Amo Bee Gees, Beatles, Cascatinha e Inhana, Legião Urbana, Mato Grosso e Mathias... amo le canzoni di Nat King Cole. Una canzone indimenticabile che mi sarebbe piaciuto fare: “Travessia” di Milton Nascimento.

  • Neio, che lavoro saresti terribile a fare?

A) Qualsiasi lavoro che deve essere buono nelle scienze dure. Sono terribile a questo punto. Non sarei mai un buon ingegnere.

  • Domanda classica del sondaggio: se potessi essere una persona del sesso opposto per un giorno quale sarebbe la prima cosa che faresti?

R) Farei di tutto in gruppi che parlano di violenza sulle donne e combattono molto per i loro diritti. È assurdo quello che succede in Brasile, siamo nel medioevo in questa consapevolezza.

  • Neio, qui al Gruppo quando le persone ti chiedono aiuto, di solito a cosa serve?

A) Ricevo molti messaggi ogni giorno. Ce ne sono dozzine. La maggior parte sono messaggi su religione o politica, argomenti a cui non rispondo. Sono un essere politico, mi piace discutere di politica e in faccia espongo le mie opinioni. Penso che sia grazie alla politica che hai l'opportunità di fare qualcosa di buono per le persone. Purtroppo oggi in Brasile il clima di intolleranza da tutte le parti impedisce il dibattito delle idee. Tuttavia, nel gruppo ci sono delle regole e non si può permettere che questo tema contamini gli obiettivi per cui è stato creato. E quando c'è una regola stabilita, ne divento schiavo perché senza regole non si va da nessuna parte. Molti vengono da me chiedendo informazioni sulla città o sulle persone, inviando informazioni per post di compleanno, ecc.  

  • Quali sono i post qui nel Gruppo che ti rendono più felice la giornata?

A) Vecchi post fotografici dell'Adamantina. Adoro vedere tutte le foto e anche i resoconti degli eventi avvenuti in città. Mi piace l'esercizio di sapere come sono andate le cose e come siamo arrivati qui. Come si è formata la città, chi erano le persone di ogni epoca. Mi piace molto anche quando un amico trova un altro amico nel gruppo. In quel momento sento che il gruppo ne è valsa la pena. Non mi piacciono i post che non hanno nulla a che fare con la città o che hanno singole foto dei partecipanti senza contesto o altre persone allegate. Foto individuali della persona, ognuna deve postare solo sul proprio volto. I post di religione e politica vengono cancellati e nella ricorrenza viene eliminato il partecipante.

  • Quali tratti della personalità ammiri di più tra i membri?

R) Sento che il divieto di parlare di politica ha dato al gruppo uno spazio di leggerezza, di esenzione, un rifugio di benessere senza mancare di rispetto, uno spazio privo delle passioni esacerbate che tanto male hanno fatto il nostro Paese. Il gruppo è diventato un'isola di sanità mentale e serenità, dove ciò che conta sono i bei ricordi della nostra città e la bella riunione con vecchi amici. Penso che la maggior parte dei partecipanti rispetti e si senta bene quando è nel gruppo perché è solo un luogo di energia positiva.

 

  • Qual è l'abitudine più fastidiosa delle persone che hai visto nei post?

A) Impossibile in mezzo a 10.000 non avere delle noiose, vere borse senza manico. Ma è una piccola minoranza che non si accontenta mai di nulla, persone amareggiate che cercano senza successo di trasferire le proprie frustrazioni personali nel nostro buon ambiente. Ma l'atmosfera nel gruppo è così buona e salutare che queste persone hanno vita breve, vengono espulse dagli stessi partecipanti. L'abitudine più fastidiosa è quando le persone non leggono le regole e poi si lamentano di aver cancellato i post.

  • Cosa ti motiva a svolgere questo lavoro di amministrazione in un gruppo così grande come "Somos Nós de Adamantina"?

R) Quando mi sono unito, era ancora un piccolo gruppo che ha preso forma nel tempo, soprattutto per l'applicazione rigorosa delle regole, senza le quali un gruppo di tali dimensioni non può essere gestito. Penso sempre che un buon amministratore sia quello che appare poco, senza tanti interventi, solo contribuendo con i post. È come un arbitro di calcio che è considerato bravo quando nessuno parla di lui. Quello che mi motiva sempre è il piacere di parlare di Adamantina e promuovere il ricongiungimento di vecchi amici, motivo principale della sua creazione. Mi sono sempre preoccupato di mantenere le linee d'azione immaginate da Sueli quando ha avuto l'idea di fare il gruppo. Preservare i suoi concetti per me è obbligatorio. Il merito della creazione è suo e lo rispetto molto. Sono favorevole al rinnovamento costante e mi considero sempre un amministratore temporaneo che cerca di fare il meglio per il beneficio di tutti mentre ho questo incarico. E “sia infinito, finché dura”... Essere un amministratore o un contributore come partecipante è irrilevante per me.

  • Quando il Suca (Sueli Yamauti) ti ha invitato a dirigere il Gruppo, eri restio, hai pensato alla sfida o sei stato subito d'accordo?

R) Il mio ingresso nel gruppo è stato accidentale, non sapevo nemmeno che esistesse. Mia sorella mi ha chiamato e mi ha detto...” stanno parlando di te nel gruppo di calcio...” . E ho detto, quale gruppo? Mi ha dato il link e quando mi sono iscritto sono rimasto sorpreso perché era tutto ciò che mi mancava, parlare di Adamantina, vedere gli amici... All'inizio semplicemente non usciva, perché Marcelo Rossato (che non conoscevo) era l'amministratore del Gruppo e noi eravamo in disaccordo su un argomento che si stava discutendo sul cambiamento del profilo agricolo dell'Adamantina. Il tempo si è riscaldato e ho deciso di partire. Ho inviato un messaggio a Sueli informandomi che stavo lasciando il gruppo, lei ha interferito e mi ha chiesto di non andarmene perché stavo postando molte cose interessanti per il gruppo. Pochi giorni dopo, lo stesso Marcelo mi ha invitato ad entrare nell'amministrazione e da lì abbiamo sviluppato una bella amicizia che dura fino ad oggi.  

​​

  • Per finire: quale frutta o cibo ti fa mancare la tua infanzia ad Adamantina?

R) Mango Borbon, Signora della Notte e pane fatto in casa che faceva mia madre.


LA FINE


Grazie per le vostre preziose risposte e complimenti per l'ottima amministrazione.

Intervista condotta da Marcelo Rossilho
 

bottom of page